Chiesa parrocchiale “S.G. Bosco”

LA CHIESA PARROCCHIALE DI SAN GIOVANNI BOSCO

Sabbiadoro-2La maggior parte delle costruzioni sorte a Lignano Sabbiadoro nei primi decenni del Novecento, sono andate purtroppo perdute. In questo contesto di “perdita di memoria”, non si è salvata nemmeno la prima chiesa parrocchiale di San Giovanni Bosco, realizzata nel 1937-1938, abbattuta durante gli eventi bellici degli anni successivi.

Negli anni Trenta, dopo la bonifica della Bassa friulana, l’aumento della popolazione locale e lo sviluppo del turismo, avevano determinato la necessità improrogabile di sostituire la chiesetta di San Zaccaria con un luogo di culto di maggiori dimensioni e più vicino al nuovo nucleo di sviluppo.

Le esigenze della popolazione di ottenere stabilmente assistenza spirituale venivano infine accolte nel 1945, al termine del secondo conflitto mondiale, con l’erezione di san Giovanno Bosco di Lignano a parrocchia autonoma, definitivamente separata da Pertegada.

La chiesa originale, concepita per una comunità di poche centinaia di persone, diventò presto troppo piccola. Varie operazioni di ampliamento si succedettero negli anni, ma solo tra il 1989 e il 1991, demolendo la vecchia chiesa, il Duomo è stato completato affidando i lavori all’Ingegner Ermes Vendruscolo.

La chiesa superiore, più ampia, è stata intitiolata alla Madonna dell’Adriatico e delle sue genti, mentre la Cripta ha mantenuto la dedicazione a San Giovanni Bosco.

La concezione archittetonica della Chiesa superiore è dinamica nel gioco ridondante dei volumi, sviluppato attorno al perno cenrale dell’altare, prolungato all’esterno dall’audacissima guglia, nel plasticismo del soffitto in cemento armato, che si gonfia come le vele di una imbarcazione sospinte dal vento, nonché nel ricco cromatismo delle vetrate, a simboleggiare l’esaltazione della luce e del mare.

L’interno della Cripta è ad aula unica: l’altare è sorretto da tre pilastri a bassorilievo dell’artista latisanese Lionello Galasso (1949), provenienti dalla vecchia chiesa, come il tabernacolo e le colonnine che sostengono il fonte battesimale. A fiancheggiare il grande Cristo corcefisso centrale, sono state riportate le staue della Madonna con Bambino, realizzata da un artista di Ortisei, e di San Giovanni Bosco, realizzata nel 1936 dal Gruppo di Cooperatori Salesiani di Udine (Istituto Bearzi), che la donò riconoscente alla comunità di Lignano per aver scelto il Santo come proprio titolare.

(Informazioni tratte da “Le chiese di Lignano”, testi di Stefania Miotto, a cura di Deputazione di Storia Patria per il Friuli, Udine, 2007; www.storiapatriafriuli.it)

L’ORGANO FRANCESCO ZANIN (2012)

L’organo della Chiesa Parrocchiale di Lignano Sabbiadoro, donato in ricordo dello stimato Don Mario Lucis, è stato progettato in collaborazione con il M° Mario Scaramucci di Pordenone per la parte musicale, mentre per l’aspetto estetico è stato curato dall`Architetto Sandro Pittini.

Lo strumento dispone di due tastiere e pedaliera, la trasmissione è a meccanica “sospesa” per i manuali, a “rimando” per il pedale. La registrazione è del tipo elettrica, con comandi a pomolo. L’impianto si sviluppa su tre piani: quello inferiore e di lato è riservato al corpo del pedale; quello centrale, sopra la consolle, corrisponde al corpo del Grand’Organo, e al di sopra di quest’ultimo si colloca il corpo dell’Organo Espressivo. L’intero manufatto è stato confezionato in maniera assolutamente artigianale e con intendimenti artistici nel laboratorio di Codroipo, l’intonazione risulta allo stesso tempo morbida e luminosa.

La disposizione fonica, le misure delle canne, la pressione del vento etc. sono state studiate per ottenere una ottimale percezione di suoni e consentire l’esecuzione di un ampio spettro della letteratura organistica avendo come riferimento le scuole organarie Veneziane, da cui trae origine la casa Zanin. La moderna conformazione della cassa è stata studiata per armonizzarsi con le linee architettoniche della chiesa, senza penalizzare la diffusione sonora dei vari registri.

DISPOSIZIONE FONICA
Trasmissione Meccanica per tastiere e pedale, Elettrica per i registri.

IMANUALE – GRAND’ORGANO

Principale 16′
Principale 8′
Viola 8′
Ottava 4′
Decimaquinta 2′
Ripieno
Flauto 8′
Flauto XII
Flauto in XVII
Flauto 4′
Tromba 8′

II MANUALE – ESPRESSIVO

Principale 8′
Voce Umana 8′
Bordone 8′
Ottava 4′
Ottavino 2′
Ripieno
Flauto 8′
Nazardo 2 2/3
Terza 1 3/5
Flauto 4′
Oboe 8′

PEDALE

Contrabbasso 16′
Basso 8′
Bordone 8′
Ottava 4′
Trombone 16′
Tromba 8′

Unioni I-II, I-Ped, II-Ped

Sequencer con 9999 combinazioni azionabili con pedaletto e pistoncini + e –