Collaborazione Pastorale di Lignano Sabbiadoro

Collaborazione Pastorale di Lignano Sabbiadoro

San Giovanni Bosco – Sabbiadoro

DSC01493

La maggior parte delle costruzioni sorte a Lignano Sabbiadoro nei primi decenni del Novecento, sono andate purtroppo perdute. In questo contesto di “perdita di memoria”, non si è salvata nemmeno la prima chiesa parrocchiale di San Giovanni Bosco, realizzata nel 1937-1938, abbattuta durante gli eventi bellici degli anni successivi.

Negli anni Trenta, dopo la bonifica della Bassa friulana, l’aumento della popolazione locale e lo sviluppo del turismo, avevano determinato la necessità improrogabile di sostituire la chiesetta di San Zaccaria con un luogo di culto di maggiori dimensioni e più vicino al nuovo nucleo di sviluppo.

Le esigenze della popolazione di ottenere stabilmente assistenza spirituale venivano infine accolte nel 1945, al termine del secondo conflitto mondiale, con l’erezione di san Giovanni Bosco di Lignano a parrocchia autonoma, definitivamente separata da Pertegada.

La chiesa originale, concepita per una comunità di poche centinaia di persone, diventò presto troppo piccola. Varie operazioni di ampliamento si succedettero negli anni, ma solo tra il 1989 e il 1991, demolendo la vecchia chiesa, il Duomo è stato completato affidando i lavori all’Ingegner Ermes Vendruscolo.

La chiesa superiore, più ampia, è stata intitolata alla Madonna dell’Adriatico e delle sue genti, mentre la Cripta ha mantenuto la dedicazione a San Giovanni Bosco.

La concezione architettonica della Chiesa superiore è dinamica nel gioco ridondante dei volumi, sviluppato attorno al perno centrale dell’altare, prolungato all’esterno dall’audacissima guglia, nel plasticismo del soffitto in cemento armato, che si gonfia come le vele di una imbarcazione sospinte dal vento, nonché nel ricco cromatismo delle vetrate, a simboleggiare l’esaltazione della luce e del mare. L’interno della Cripta è ad aula unica: l’altare è sorretto da tre pilastri a bassorilievo dell’artista latisanese Lionello Galasso (1949), provenienti dalla vecchia chiesa, come il tabernacolo e le colonnine che sostengono il fonte battesimale. A fiancheggiare il grande Cristo crocefisso centrale, sono state riportate le statue della Madonna con Bambino, realizzata da un artista di Ortisei, e di San Giovanni Bosco, realizzata nel 1936 dal Gruppo di Cooperatori Salesiani di Udine (Istituto Bearzi), che la donò riconoscente alla comunità di Lignano per aver scelto il Santo come proprio titolare.

ORARI MESSE


Feriali: ore 19:00 nella Cripta

Prefestive: ore 19:00 (Italiano, inglese e tedesco)

Festive: ore 08:00 (col canto delle Lodi), ore 11:00 (Italiano, inglese e tedesco), ore 19:00 (col canto dei Vesperi)

(Informazioni tratte da “Le chiese di Lignano“, testi di Stefania Miotto, a cura di Deputazione di Storia Patria per il Friuli, Udine, 2007; www.storiapatriafriuli.it)